LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 266   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  lunedì 4 luglio 2022      Buon Pomeriggio ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art5 spinning acqueinterne Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Caratteristiche delle Canne da Spinning
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Tiberio Leoncini
Data Pubblicazione  16/01/2004
 • Caratteristiche
 • Scelta e Numero
 • Manutenzione

Dopo aver accennato a grandi linee la canna e il mulinello adatti per chi inizia a pescare da riva, vediamo ora più nel dettaglio le caratteristiche delle Canne adatte per lo spinning.

CARATTERISTICHE:

Oggi se ne trovano per tutti i gusti e soprattutto per tutte le tasche, ci sono modelli specifici solo per alcune tecniche se non addirittura esche, costruite con dei materiali di derivazione aerospaziale, con anellature in titanio superleggere, impugnature in sughero portoghese o in eva, sempre più leggere e potenti.

Le canne, oggi in vendita, sono costruite in grafite o carbonio (che poi è lo stesso materiale, cambia solo la purezza, la grafite essendo "cotta" a temperature molto più elevate del carbonio è più pura e "delicata"), cambia solo la percentuale presente (il modulo): più grafite c'è, quindi minore è la quantità di resina, più alto è il modulo.

La differenza principale tra i diversi moduli oltre che il peso della canna sta nella sua azione, più alto è il modulo più rigida è la canna, e quindi più rapida la sua azione.
Non sempre serve una canna rapida, con alcune esche è da preferirsi un azione semiparabolica o parabolica in quanto è meglio ritardare un attimo la ferrata, in generale comunque i vantaggi di una canna rigida e rapida sono di gran lunga superiori.
Da riva una canna rapida e soprattutto potente aiuta molto, nelle ferrate a diversa distanza da riva, e soprattutto a non concedere niente nel caso un grosso pesce abbocchi tra gli ostacoli e quindi vada recuperato di forza.

Le canne in due, tre e anche più pezzi sono l'ideale per la pesca da riva, anche se l'azione e la sensibilità di una monopezzo difficilmente sarà riscontrabile in questi modelli, comunque con i moderni materiali impiegati ci si avvicina di molto.

Purtroppo le monopezzo hanno dei difetti per la pesca da riva, in primis la loro lunghezza, che oltre a creare delle difficoltà di trasporto in auto, le crea anche sul luogo di pesca, infatti la nostra pesca necessita diversi spostamenti lungo sponda spesso senza sentieri, in luoghi vergini e molto infrascati, quindi una canna che possa dividersi agevola sicuramente il vostro cammino.

Ma la nota più dolente secondo me, è che le monopezzo, spesso di provenienza Usa, sono nate per la pesca dalla barca, ed hanno una calciatura molto corta, questo non agevola sicuramente ne i lanci ne le ferrate per chi pesca da riva, quindi almeno che non vi trovate lo stesso a vostro agio, controllate sempre la lunghezza al momento dell'acquisto ( il tutto dipende anche dalla vostra statura ).

Sinceramente io, per non rinunciare al piacere delle monopezzo, preferisco acquistare i grezzi e poi farmele montare con dei calci più lunghi, per esempio un calcio di 40 cm per una 7 piedi.

Un altro problema delle monopezzo da spinning è l'esigua, nella maggior parte dei casi specialmente in alto modulo, potenza di lancio, infatti trovare una monopezzo da spinning che lanci un oncia è già una rarità, e da riva questa potenza è molte volte insufficiente nella stragrande maggioranza degli ambienti affrontati.

Nessun problema per quanto riguarda le monopezzo da casting, che hanno potenze e calciature ideali.

Nelle moderne canne in grafite vengono aggiunti dei materiali nobili per aumentarne la potenza e la robustezza, questi materiali come il titanio, il kevlar, il boro, l'amorphus, il wiskers, ecc. danno veramente dei vantaggi specialmente i primi due in termine di resistenza, quindi sono senza dubbio da consigliarne la presenza, anche se però il prezzo diventa proibitivo per molte tasche.

Un occhio particolare anche all'anellatura e il montaggio della stessa: nota dolente di molte canne, anche quelle di marche famose, in primis controllate il numero e il tipo, anni fa la fuji creò lo spin concept, una nuova concezione di montaggio, si tratta di un numero superiore d'anelli circa 9 per una 7 piedi, con una scalatura di misure molto accentuata nei primi 3 anelli per poi proseguire in un cono perfetto, questo nuovo concetto aiuta la perfetta fuoriuscita del filo quindi agevola la distanza di lancio.
Canne con un numero basso di anelli sicuramente non avranno la stessa resa e la stessa piegatura sotto sforzo.
Oltre al numero anche la qualità e il materiale con cui è fatto l'anello sono importanti: il telaio è fatto quasi sempre in acciaio, molto leggero e resistente, molte volte trattato anche contro la salsedine, ultimamente sono fatti anche in titanio, più leggero e resistente dell' acciaio (non si deforma mai) ma il prezzo!!, anche del 70% più dell'acciaio.
Sinceramente avendo provato entrambi non ne giustifico le differenze del prezzo, quindi darei più un occhio di riguardo all'anello interno che è sicuramente la parte più importante dell'anello.

Anche per questi i materiali usati sono di diversi tipi dall'antica ceramica al moderno titanio, sinceramente se non si intendono usare trecciati tutti i tipi di materiali possono andar bene dal cromo duro, all'alconite al silicio sia carburo che idruro (sic e sih) allo zirconio, se invece intendete anche usare i trecciati è indispensabile il sic o il titanio, gli unici garantiti e testati per questi superfili (sinceramente non so la reazione degli altri materiali, comunque e bene non rischiare).

Quindi ricapitolando se la vostra canna monta anelli fuji sic se non gli eccezionali e carissimi fuji gold cermet, acquistatela con la massima fiducia, i vostri anelli saranno eterni.
Infine un occhiata alle legature, che non devono presentare bolle d'aria o crepature sulla colla, per il resto essendo fatte quasi tutte a macchina e standardizzate non presentano molti difetti anche se il fatto a mano è un altra cosa.......

Un discorso lo voglio fare anche sul sughero del calcio (da preferire rispetto all'eva o neoprene, solo se non altro per la bellezza) che deve essere di prima qualità, un modo per vederlo è lo spessore delle rondelle con cui è composto, infatti se ci fate caso il sughero non è un pezzo unico ma è composto da tanti cerchietti di sughero. Più piccolo è lo spessore di tali cerchi più alta è la qualità del calcio.

Infine un altro piccolo consiglio, spesso il sughero e chiuso da un involucro plastico trasparente, ebbene controllate che non ci siano tracce di "segatura" segno inequivocabile che il sughero inizia a sbriciolarsi (non subito ma con il passare del tempo sicuramente).

Per i portamulinelli non c'è tanto da dire, solo che devono essere resistenti specialmente nelle avvitature e non devono avere giochi, se è marcato fuji, potete stare tranquilli.


COME SCEGLIERE UNA CANNA DA SPINNING E QUANTE CE NE SERVONO

Come ho detto nel mio articolo di presentazione per pescare a spinning basta una canna e un mulinello, ma se ci vogliamo un pò specializzare in questa tecnica, ci accorgeremo subito che ci serviranno diverse canne per affrontare i diversi ambienti.

Le canne minime indispensabili per pescare da riva sono:

Una 7' piedi con potenza fino 3/4-1 oncia per pescare in ambienti medio-piccoli
Una 8' piedi con potenza fino a 1 oncia e mezzo per ambienti medio-grandi e
Una 9' piedi con potenza fino alle 2 once e più per ambienti grandi;

  • La 7 piedi può essere anche monopezzo, anzi ve la consiglio, in grafite alto modulo con tutti gli accessori di qualità, io spenderei qualcosa in più per questa canna rispetto alle altre, se non altro perché sarà quella che userete maggiormente.
     

  • La 8' piedi sarà la canna universale per tutti gli ambienti che affronterete, specialmente se andrete in posti nuovi e non conosciuti, potrà essere in un modulo intermedio tipo IM6 o IM7, anche perché già la potenza ne giustifica la resistenza.
     

  • La 9 piedi sarà la canna da luccio, o per ambienti con rive a canneto (dove occorre scavalcarle con la canna) o sui fumi con sponde alte, anche per questa canna vale il discorso della 8 piedi per quanto riguarda il tipo di grafite, l'azione sarà di punta in quanto sarà la lunghezza della canna a renderla un pò più parabolica.


Queste sono, secondo me, le canne base per pescare a spinning, poi col tempo vi accorgerete che ve ne serviranno altre più che per un reale bisogno per "puttanite", per finire poi ad avere 25 canne come me e usarle una ogni 3 anni !!!!!!!
Naturalmente per quanto riguarda materiali, anelli, impugnature il discorso vale anche per le canne da casting, sono di più difficile reperibilità, i modelli in più pezzi.

Il vantaggio delle canne da casting pesante, sta nel recupero di esche pesanti (parlo dall'oncia in su) in quanto il mulinello da casting è molto più fluido nel recupero e quindi stanca meno il braccio, quindi chi possiede una discreta tecnica di lancio a casting farà molto bene ad utilizzare tale tipo di attrezzatura
 

MANUTENZIONE:

Le canne non richiedono molta manutenzione, anche se consiglio di pulirle con un panno morbido e un pò d'acqua al rientro da ogni battuta di pesca, specialmente se l'appoggiate sul terreno.

Pulite anche gli anelli da eventuali detriti, ciò capita spesso pescando in acque sporche, essiccandosi potrebbero creare problemi al filo.

Qualche volta pulite le vostre canne con uno speciale detergente per il carbonio in vendita presso tutti i negozi di pesca, vedrete rinnovarsi la vostra canna, per il sughero usate uno sgrassatore anche quello che usa vostra moglie o madre per pulire in casa.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2022  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module