LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 164   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  mercoledì 26 giugno 2019      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: tecniche pesca :: articoli :: art9 surfcasting Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
I Piombi per Surfcasting - Prima Parte
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Riccardo Nannotti
Fotografie di  Riccardo Nannotti
Data Pubblicazione  11/06/2006

Il piombo nel Surfcasting ricopre il ruolo fondamentale di tenere ancorate sul fondo le nostre esche riuscendo a sopportare le forti correnti tipiche di questo tipo di pesca e avere inoltre ottime doti aerodinamiche che permetteranno di far giungere le nostre esche il più lontano possibile.

La forma e la grammatura del piombo scelto dovrà tenere conto di alcuni fattori fondamentali: intensità del vento, intensità della corrente laterale, tipo di sabbia e presenza di rocce. Sono comunque i primi due fattori elencati che influenzano maggiormente la scelta del piombo che dovrà essere sufficientemente pesante da fendere l'aria in presenza di molto vento e contemporaneamente non smuoversi dal fondo nemmeno con forte corrente.

I piombi possono essere suddivisi in due categorie: ad alta tenuta e bassa tenuta. Il mercato di oggi offre numerose soluzioni, alcune molto valide altre semplicemente "specchietti per allodole", vediamo qui i piombi più diffusi che possiamo reperire.

Bassa Tenuta

Io li chiamo "piombi estivi": la caratteristica che accomuna questi tipi di piombi è l'ottima aerodinamicità in aria e la bassissima tenuta sul fondo. Si utilizzano quindi a mare calmo, vento leggero e con corrente praticamente inesistente; è sufficiente un po' di vento o un po' di movimento del fondale marino e questi piombi cominceranno a spostarsi.


Nella Foto: Beach Bomb, Tournament, AB1, Evolution, Roccobomb

E' inutile salire di grammatura: data la forma longilinea la corrente li sposterebbe con facilità comunque.
I piombi "lunghi" come l'Evolution necessitano di chiusure nel lancio perfette altrimenti svolazzano in aria perdendo le ottime caratteristiche di aerodinamicità; i piombi come il roccobomb possono essere utilizzati in presenza di alcune rocce sul fondo: recuperando velocemente il piombo si stacca dal fondo evitando l'incaglio.

Tenuta Medio - Bassa

Tengono leggermente di più degli altri, hanno tutti ottime doti di aerodinamicità, in particolar modo il tommy. Usare un piombo a bassa tenuta o uno di questi cambia veramente poco, l'unico vantaggio è che vengono prodotti in grammature più elevate: mentre gli altri si fermano a 150 grammi, questi vengono prodotti in versioni fino a 175 grammi.


Nella Foto: Tommy, Roccotop, Sporteen

L'unico che si distingue è lo sporteen, ho notato che ha una maggiore resistenza sulla corrente, probabilmente a causa della sua forma schiacciata.

Tenuta Medio - Alta

Iniziano i veri piombi da surfcasting. Prodotti in grammature sino a 200grammi e oltre, ottima resistenza alla corrente laterale ma spesso non molto aerodinamici. Si usano con fili in bobina non inferiori allo 0,28 (da 150 grammi in su) dato il recupero spesso difficoltoso.
Vediamo le caratteristiche dei modelli più diffusi.

Palla
E' il mio piombo preferito!! Mantiene un'ottima aerodinamicità data la sua forma sferica e una buonissima tenuta sul fondo grazie alla sua caratteristica di insabbiarsi, è fluida nel recupero.
Un piombo che non deve mai mancare!!! Unica pecca, ho notato che su fondale "chiuso" e acqua bassa tendono a rotolare perdendo le ottime caratteristiche di tenuta che possiede.


Nella Foto: Piombo a Palla o Sferico

Pyramidon
Un incrocio tra un cubo e una piramide. La tenuta è molto buona anche se non paragonabile alla piramide ma in linea di massima sono buoni piombi. A molti non piace a causa della scarsa aerodinamicità in volo, effettivamente si scompone molto quando è in aria ma soprattutto il recupero non è dei migliori: anche con fondo aperto il pyramidon saltella.


Nella Foto: Pyramidon

Cono
La tenuta generale è buonissima anche se secondo me perdono qualcosina sulla tenuta laterale, la stabilità in volo è discreta. Ottimi su fondali profondi, unico neo oppongono una fortissima resistenza durante il recupero. In commercio si può trovare sia il cono classico sia quello Meloni.


Nella Foto: Cono

Triedo
Una delle ultime novità. A differenza della piramide ha solo 3 lati e "scanalati". La tenuta non sarebbe male, anzi è buonissima forse un po' meno sulla laterale, peccato però per l'aerodinamicità. Un triedo da 175grammi è grosso come un palmo della mano, infatti vola molto male.


Nella Foto: Triedo

Alta Tenuta

Piramide
Altissima tenuta, resistono ottimamente alla corrente laterale e fendono abbastanza bene l'aria. Il recupero è difficoltoso e mette a dura prova i fili in bobina a causa della sabbia che si trascina dietro quindi i fili dovranno essere di dimensioni adeguate. E' uno dei piombi maggiormente usati nel surfcasting.


Nella Foto: Piramide

Spike
Il piombo a tenuta per eccellenza. I grappini affondano e fanno presa sulla sabbia facendo rimanere il piombo immobile. Gli unici lanci praticabili con gli spike sono sospesi, altrimenti i grappini rischiano di incagliarsi sulla sabbia e di sganciarsi prima del dovuto. Una volta in acqua si recuperano con un colpo deciso facendo sganciare i grappini di sostegno e utilizzando fili non inferiori allo 0,30. Io preferisco usare spike come quelli in foto, esistono altre versioni con i gancini rimuovibili oppure fissabili con l'elastico. L'aerodinamicità dello spike è però molto scarsa e inoltre è più facile che vi si attacchino alghe sia nel recupero sia quando è fermo nell'acqua.


Nella Foto: Spike

Un ringraziamento agli altri utenti del Forum dai quali ho preso alcuni spunti.
Rikka



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2019  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module