LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 215   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  mercoledì 24 ottobre 2018      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: esche :: esche schede :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Classificazione
Tipo ESCHE VIVE
Classe
Ordine
Famiglia
Genere
Specie
Nome Volgare: BIGATTINO
Descrizione Tipo
ESCHE VIVE

****

Caratteristiche dell' Esca
Caratteristiche

Il Bigattino, ovvero la larva della mosca carnaria (noto anche come cagnotto, bachino, raparino, pinkies) , inizialmente utilizzato come esca solo nelle acque interne, è oramai una delle più usate anche per la pesca in mare, durante tutto l'anno. Sin dall’inizio, quando questa larva ha cominciato ad essere impiegata come esca nelle acque interne, ha fatto parlare di sé, sia in modo positivo che negativo. Cominciamo ad analizzare i lati positivi. E’ un esca facilmente reperibile in tutti i negozi di pesca, al contrario di altre esche, ed il suo costo risulta essere relativamente basso (intorno ai 6 Euro il Kg). Inoltre, cosa fondamentale, molte specie ittiche gradiscono questa larva e sono fortemente attratte dalla pastura a base di bigattini, da quelle più ricercate come spigole, orate e saraghi, a quelle più comuni come muggini, occhiate e aguglie. Il Bigattino può essere impiegato in mare con varie tecniche di pesca, sia pescando in superficie o a mezz’acqua con il galleggiante, sia pescando a fondo (legering) con o senza un pasturatore. Uno dei lati più interessanti e affascinanti della pesca col Bigattino, è la necessità di utilizzare dei terminali di diametro molto sottile (0.08 0.10 0.12) per conferire massima naturalezza e libertà di movimento all’esca, il che ci obbliga ad un grande impegno tecnico per riuscire a salpare le nostre prede. Veniamo ai lati negativi. Vi sono delle persone che affermano che i Bigattini ingoiati dai pesci uccidano gli stessi perforandone lo stomaco; questa ipotesi sarebbe plausibile se i Bigattini avessero enormi riserve di ossigeno, in realtà è ben noto che la loro resistenza in acqua pur essendo lunga è comunque limitata, infatti dopo qualche lancio e necessario sostituirli. Personalmente, ma non sono l’unico, non credo che i Bigattini uccidano i pesci, infatti essi oltre a morire per mancanza di ossigeno, una volta nello stomaco del pesce vengono attaccati dai succhi gastrici; per rendercene conto basta pensare che alcuni pesci digeriscono persino granchi, ricci, oloturie e bivalvi. Sicuramente però, un utilizzo spropositato di Bigattini in uno stesso luogo di pesca riesce a condizionare le abitudini alimentari dei pesci costringendo il pescatore all’utilizzo di queste larve perché le altre esche tradizionali verrebbero sistematicamente ignorate. Una cattiva abitudine è quella di abbandonare sul luogo di pesca bigattini morti o non utilizzati, perché dopo qualche settimana quelle larve diventano mosche. Altro lato negativo dell’uso del Bigattino consiste nell’alta percentuale di novellame (spigole, orate, saraghi sottomisura) che molti purtroppo non hanno l’accortezza di slamare accuratamente e rimettere in acqua, provocando delle vere e proprie stragi.

Recupero

Conservazione

I Bigattino possono essere conservati in frigorifero ad una temperatura compresa tra 0° e 4°, evitando che all'interno del contenitore si formi umidità.

Temperatura di Conservazione

Indicazioni per l' Impiego
Tecnica di Impiego

Innesco

Periodo di Impiego

Amo Ottimale

Prede

Note

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2018  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module