LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 636   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 1.146   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 754   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  martedì 22 maggio 2018      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: esche :: esche schede :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Classificazione
Tipo ALTRE ESCHE
Classe
Ordine
Famiglia
Genere Sardina
Specie pilchardus
Nome Volgare: SARDINA
Descrizione Tipo
ALTRE ESCHE

****

Caratteristiche dell' Esca
Caratteristiche

Assieme all’Acciuga, la Sardina è il pesce più prelibato da usarsi come esca, risultando appetito dalla totalità degli abitanti marini oggetto della pesca sportiva. La Sardina ha corpo allungato, mascelle della stessa lunghezza, dorso di color verde oliva con fascia azzurra ai lati, ventre argenteo, ed è completamente priva di denti. Al contrario l’Acciuga che spesso viene confusa con la Sardina, ha colori e forma simili ma la mascella superiore è molto più lunga della mandibola, ed è fornita di piccoli denti sulle mascelle. Entrambe sono specie pelagiche che compiono migrazioni orizzontali da largo verso le coste in certi periodi dell’anno e migrazioni verticali dal fondo verso la superficie. Sono pesci che si nutrono essenzialmente di plancton, infatti è davvero improbabile che vengano catturate all’amo, mentre vengono pescate dalle lampare che ne sfruttano la caratteristica di pesci fototropici positivi.

Recupero

Conservazione

Temperatura di Conservazione

Indicazioni per l' Impiego
Tecnica di Impiego

Le tecniche di pesca adoperabili sono un po’ tutte, dalla pesca con il galleggiante per insidiare boghe, salpe, muggini, aguglie, occhiate, etc., alla pesca a fondo per insidiare spigole, saraghi, ombrine, scorfani, gronghi, etc. Infatti è una delle esche più usate nel Surf Casting specialmente nel periodo da ottobre a dicembre, evitando in genere i mesi più freddi dell’inverno in quanto l’olio contenuto nelle sue carni si solidifica a causa delle basse temperature dell’acqua, riducendone molto il potere attirante. L’impiego della Sarda come esca prevede che sia freschissima, e se ne utilizza il filetto oppure la si innesca per intera.

Innesco

L’innesco del filetto va fatto in modo tale che l’amo trapassi sia la carne che la pelle, altrimenti utilizzando la sola carne questa verrebbe facilmente via essendo molto fragile; tuttavia per rendere più efficace l’azione attirante della Sarda dovuta all’olio contenuto nelle sue carni grasse, si preferisce innescare il filetto rovesciato. L’innesco così realizzato, sarà infine completato legando il tutto con del filo elastico passato più volte a spire incrociate, per evitare che il tutto voli via durante il lancio oppure nell’impatto con l’acqua. All'interno dell'innesco così preparato, si può anche inserire un cilindretto di polistirolo, col fine di aumentare la galleggiabilità del boccone e presentarlo più naturale, sollevato dal fondo. Spesso nel Surf Casting, la sarda viene innescata intera privata della sola testa, facendo passare il filo dell’amo al suo interno aiutandoci con un ago, fissando l’amo nella parte vicina alla testa, e legando il tutto con del filo; in alternativa si possono utilizzare anche inneschi che prevedano utilizzo di tre ami legati in cascata e fissati all'interno del corpo. Con mare calmo si preferisce un terminale del tipo Short Alto con un amo a curva stretta e gambo lungo; mentre con mare mosso si utilizzerà un terminale del tipo Pater Noster con un amo storto perché il pesce mangia a strappo e difficilmente ingoia l’amo. Infine è ben noto che la sarda costituisce un ingrediente fondamentale per la preparazione della pasta da innesco e per la pastura da utilizzarsi per la pesca di occhiate, muggini e boghe.

Periodo di Impiego

Amo Ottimale

Prede

Note

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2018  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module