LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 199   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  mercoledì 24 ottobre 2018      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  tecnica :: esche :: esche schede :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Classificazione
Tipo CROSTACEI
Classe
Ordine
Famiglia
Genere Eupagurus
Specie bernhardus
Nome Volgare: PAGURO
Descrizione Tipo
CROSTACEI

Dal punto di vista dell’impiego come esca ma anche dal punto di vista alimentare, i crostacei di nostro interesse sono quelle appartenenti a due gruppi. Il primo gruppo è quello dei Decapodi, così chiamato perché questi crostacei sono muniti di 10 zampe toraciche locomotorie. Il secondo gruppo è quello degli Stomatopodi ( che significa : piedi in bocca ), così chiamati perché muniti di due chele o tenaglie davanti alla bocca, che si possono ripiegare su se stesse.

Caratteristiche dell' Esca
Caratteristiche

Il Paguro, noto anche come ‘Bernardo l’eremita’, è un crostaceo molto singolare, abita la zona di marea (detta zona intertidale), ed è caratterizzato da un carapace corazzato e peloso dotato di due grosse chele asimmetriche e di un addome molle. Una particolarità di questo crostaceo che risalta immediatamente è la mollezza del suo addome in forte contrasto con la corazzatura del carapace e con quella praticamente completa che caratterizza gli altri Decapodi di qui il Paguro fa parte. Tale mollezza del suo addome è il suo ‘Tallone d’Achille’, infatti è questo il motivo fondamentale per cui lo utilizziamo come esca, dopo averlo privato della conchiglia necessaria a proteggere appunto il suo addome indifeso. La conchiglia, in realtà, appartiene al Paguro in virtù del diritto di conquista, infatti esso l’ ha rubata ad un mollusco legittimo proprietario, e vi si è insediato all’interno ancorandosi mediante il telson avente forma di uncino. Ogni tanto il Paguro cambia la sua conchiglia con una nuova che trova durante i suoi spostamenti sul fondale; a volte trovandola ancora occupata dal mollusco, provvede a svuotarla con una laboriosa operazione. Spesso il Paguro non si accontenta della protezione della sua conchiglia, infatti questa sarebbe alquanto impotente nei confronti dell’azione masticatoria sviluppata dal sarago o dall’orata, per cui cerca qualcosa di più sicuro che gli dia maggiore sicurezza. Infatti spesso il Paguro stabilisce una sorta di contratto di mutua assistenza vita natural durante con organismi di più bassa organizzazione, primo fra tutti l’Attinia o Anemone di mare o Pomodoro di mare. Le Attinie hanno un corpo prevalentemente cilindrico o tronco-conico, con all’apice una serie di tentacoli che circondano la bocca, vivono aderenti al substrato compiendo movimenti molto limitati; i loro tentacoli hanno organi urticanti che, se toccati da un incauto pesce o crostaceo, esplodono avvelenandolo, per poi portarlo nella bocca con gli stessi tentacoli. Ovviamente le Attinie non hanno occhi per distinguere amici e nemici che vi si avvicinano, ma semplicemente reagiscono agli stimoli esterni, fulminando e quindi mangiando chiunque osi toccarle. A tutto questo fa eccezione il Paguro, che riesce ad avvicinarsi all’Attinia, la palpa, la stacca dal substrato e se la attacca sul dorso della conchiglia, senza che la stessa lo uccidi, e nel caso in cui venisse avvelenato dai tentacoli dell’Attinia, è dimostrato che possiede gli anticorpi necessari. Adesso il Paguro è più sicuro con una tale arma sul suo tetto e l’Attinia da parte sua è contenta perché può partecipare ai pranzetti del Paguro e spostarsi con molta facilità in zone più ricche di cibo. Si capisce che se il Paguro ricorre a tanti mezzi per proteggere il suo addome mollo, significa che esiste qualcuno che gradirebbe molto gustarselo, e questo qualcuno sono proprio i pinnuti da noi insidiati. Le specie più comuni di Paguri presenti nel mare Mediterraneo sono sei: 3 specie viventi ad una profondità maggiore di 30 metri, 1 specie vivente nella sabbia, 1 specie vivente nei bassi fondali detritici ed un’altra che vive sulle scogliere. I Paguri di quest’ultima specie, i più piccoli, li potremo raccogliere a manciate tra gli scogli in presenza di bassa marea, mentre quelli più grossi delle altre specie dovremo procurarceli dai venditori che a loro volta li acquistano dai pescherecci.

Recupero

Conservazione

Temperatura di Conservazione

Indicazioni per l' Impiego
Tecnica di Impiego

I Paguri vengono utilizzati nella pesca a fondo o con galleggiante, per insidiare spigole, labridi e sparidi, innescati vivi per il telson, in modo simile a quello descritto per l’innesco del gambero di mare vivo; inoltre possono essere anche utilizzati morti, innescandoli nell’amo a partire dall’addome e trapassandolo dalla parte inferiore del carapace. Anche in questo caso, la raccomandazione è quella di utilizzare canne non molto rigide, e comunque di evitare lanci troppo violenti che farebbero staccare il Paguro dall’amo durante il lancio o nell’impatto con l’acqua.

Innesco

Periodo di Impiego

Amo Ottimale

Prede

Note

Etimologia
Bernardo l'eremita. 
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2018  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module