LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 5099   Utenti nel Forum Forum    Utenti in Chat Chat    Annunci nel Mercatino Msg Mercatino 280   Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 1.146   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 716   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  Effettua il Login al Portale HobbyPesca     Registrati al Portale HobbyPesca  
  martedì 27 giugno 2017      Buongiorno ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico    Consulta HobbyPesca in modalità RSS Feed  
  Iscriviti alle News Letter del Portale HobbyPesca - Resta Informato su aggiornamenti e Iniziative     Iscriviti alle News Letter  ISCRIVITI ADESSO!
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  rubriche :: itinerari pesca :: itinerario6 :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Le Boghe di Baia
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Stefano Montone
Fotografie di  Stefano Montone
Data Pubblicazione  27/11/2004

Baia è una piccola località dei Campi Fregrei in provincia di Napoli, praticamente in tenimento del comune di Bacoli. La tradizione marinara è viva da sempre, quasi in ogni famiglia vi è una persona imbarcata.
A Baia vi è un piccolo porto a vocazione quasi totalmente turistica da ciò ne deriva una assoluta tranquillità in inverno e un caos di diportisti in estate.

Qui a Baia si incontrano pescatori semplici, a volte con canne di fortuna, questi sono dei veri e propri cultori del mare e ne conoscono tutti i segreti. Quando giungiamo sul posto con attrezzature ultra tecnologiche e una miriade di accessori, quasi ci sentiamo in imbarazzo, ma la gente di Baia è calda pronta a fare amicizia e a scambiare quattro chiacchiere di circostanza e noi, nonostante appena il galleggiante cade in acqua il divario tecnico appare subito evidente, non gli facciamo mai pesare la loro semplicità, anzi ci adeguiamo ed apprendiamo con piacere i loro consigli.
Non so voi, ma quando sono seduto vicino ad un vecchietto che pesca cefali al tocco mi trovo a mio agio, la simbiosi con il mare è più pura.
Probabilmente queste semplici ma intense emozioni sono le reminiscenze dell'infanzia, quando per la prima volta si leggeva "Il vecchio e il Mare". Quando non vi è la necessità ossessiva di fare cestino la giornata è più piacevole che si catturi oppure no.

Passiamo subito alla descrizione del posto - A Baia non vi sono dighe foranee, nonostante ciò il mare è quasi sempre calmo. Le postazioni sono esclusivamente quelle comode della banchina del porto, con l'acqua a tiro di guadino.

Il periodo migliore è quello estivo; si catturano boghe in grande quantità e volte anche di discreta taglia. Per attirare le boghe basta un poco di pastura chiara non molto compatta, infatti questi pesci mangiano quasi prevalentemente a mezz'acqua.
Si inizia con quattro cinque palle di discreta dimensione per poi continuare con del leggero brumeggio ottenuto con una pastura quasi liquida.
Qualche minuto dopo la pasturazione iniziale inizieranno ad arrivare grossi banchi di pesci che resteranno sotto la nostra postazione semprechè l'azione di brumeggio sia costante ed estremamente precisa.

La canna indicata è una fissa da sei sette metri o una bolognese da cinque.
Per cogliere nitidamente le tocche delle boghe non troppo grandi si utilizzerà un galleggiante di un grammo circa accompagnato da una piombatura secca, un terminale dello 0,10/0,12 e un amo del 16/20.

Le boghe abboccano a quasi tutte le esche (pastella, coreano, tremolina, esca rossa, il salterello tunisino ecc.).
Ci sono poi dei giorni dove le boghe stazionano a circa 40 - 50 metri dalla banchina, allora è bello divertirsi all'inglese con un galleggiante scorrevole ben tarato ed a una profondità non superiore ai cinque metri.
Sempre all'inglese, ma avendo la cura di sondare bene il fondo, si potranno pescare menole, saraghi, occhiate, salpe, sciarrani, tordi, donzelle, ghiozzi, ed altri pesci di scoglio.

Con la fissa di sette - otto metri è possibile impostare una fruttuosa pesca al cefalo; si misura il fondo con estrema precisione e si innesca la classica pastella su una montatura intorno al grammo con pallini a scalare.
In questo caso la pastura dovrà essere solida e compatta con le palle che dovranno arrivare integre sul fondo.

A Baia è possibile anche praticare una pesca a fondo molto leggera, con piombi intorno ai 30 grammi, in questo caso l'esca principe sarà l'arenicola o meglio l'esca rossa napoletana - con questa tecnica si catturano prettamente pesci di scoglio e saraghi.
I saraghi si pescano anche con la bombarda semiaffondante con finale di circa un metro e mezzo ed esca rossa.

Qui si pratica anche la pesca detta "a fil di molo"; si utilizza una lenza a mano o una cortissima canna a mulinello di quelle usate per il bolentino da piccoli natanti, si cala la classica lenza da bolentino molto leggera armata con più ami e si catturano tutti i pesci che vanno a cibarsi delle alghe e degli invertebrati attaccati alla banchina del porto.

Come esca consigliamo il bigattino solo nel periodo dell'aguglia che va da fine agosto a inizio novembre, dato che le catture di spigole ed orate sono segnalate con il contagoccie.

Da sconsigliare anche i grossi vermi come l'americano e il bibi.

A Baia vi è il negozio di pesca " La Baia" proprio adiacente il porto con esca fresca e una vasta gamma di attrezzature da mare.

Informazioni sul posto
Consigliamo una visita alla piscina Mirabilis - antichissimo acquedotto romano, all'antro della Sibilla Cumana, alla Casina Vanvitelliana, ed a Capo Miseno.

Questa è una zona ad alta attività vulcanica con fenomeni unici tipo la Solfatara della vicina Pozzuoli.
Alcuni millenni orsono si pensava che questa fosse la porta dell'inferno, poi quando l'attività vulcanica si ritirò lasciò una terra fertilissima tanto da che gli antichi romani vi si insediarono con moltissime ville.

In tutta la zona vi sono strutture alberghiere di prim'ordine e rinomatissimi ristoranti con specialità marinare locali.

Si arriva a Bacoli ed al porto di Baia mediante la tangenziale di Napoli all'uscita Lago D'Averno - oppure percorrendo la parte più antica della via Domiziana.
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2017  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module