LOGO HOBBY PESCA :: Portale dedicato alla Pesca Sportiva in Mare e in Acque Interne, Settore Agonistico e tutte le Risorse legate al Mare
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Italian version
English version
Deutsche version
Francaise version
 Utenti On Line Utenti On line 3107   Utenti nel Forum Forum    Fotografie nell'Album Fotografico Album Photos 0   Schede di Pesca in Archivio Schede Pesca 0   Utenti Iscritti al Forum Iscritti Forum 6.347  
  sabato 5 dicembre 2020      Buon Pomeriggio ! Imposta HobbyPesca come HomePage Imposta come HomePage  Aggiungi questo portale alla lista dei tuoi Preferiti Aggiungi ai Preferiti  Segnala questo portale ad un tuo amico che condivide i tuoi stessi interessi e la passione per la pesca sportiva Segnala Sito ad un Amico 
  Torna alla Home Page  Torna Indietro  agonismo :: articoli :: art31 :: Aggiungi HobbyPesca ai Tuoi Siti Preferiti  Segnala questa Pagina ad un Tuo Amico  Segnala Errore in questa Pagina 
 
  Novità :: Servizi e Rubriche
  Link Consigliati
Negozio di Pesca Sportiva, vasto assortimento ai prezzi più bassi del web!
Annunci Gratuiti Vendita Barche, Motori Nautici, Imbarcazioni e Accessori per la Nautica
libero
Vari
Altri Link Selezionati!
Giochi Mondiali della Pesca :: Portogallo 9-17 Settembre 2006
Commenta questo Articolo  Vota questo Articolo  Stampa questa Pagina 
Testo di  Giambattista Scuri
Fotografie di  Giambattista Scuri
Data Pubblicazione  15/12/2006

Giochi Mondiali della Pesca 2006
Portogallo
9 Settembre - 17 Settembre  2006

In Portogallo dal 9 al 17 settembre si è svolta la seconda edizione dei giochi mondiali della pesca. Gli atleti di tutte le Nazioni partecipanti sono stati dislocati nelle diverse località loro assegnate per disputare i vari mondiali di specialità.

Le nazioni partecipanti erano 54, tra le più rappresentative al mondo in termini alieutico-sportivo. L'Italia era presente con ben 127 atleti di tutte le specialità (aggiungendo i vari dirigenti al seguito la compagine italiana sfiorava le 200 persone).

Le 2 prove che caratterizzavano il mondiale di Spinning si sono svolte nelle giornate di venerdì 15 e sabato 16 settembre ad Arcos de Valdevez, ridente cittadina di circa 25.000 anime, situata a un centinaio di km da Oporto, esattamente sulle rive dell'omonimo fiume Vez.

Il Team italiano di Spinning era composto dal "sottoscritto", da Mori , Muin, Ferro, Tranquillo e dal CT Zecchi.

Il Vez  non è quel che si dice un classico fiume da trote e soffrendo ancora per la passata calura estiva, si presentava piuttosto fermo, con acque chiare e trasparenti,  dando l'impressione di essere, vista la sua larghezza (in alcuni punti anche di una sessantina di metri), un laghetto di pesca sportiva. Date le condizioni si può capire quanto le trote, anche se di "semina", fossero poco attive e al contempo molto sospettose verso qualsiasi tipo di artificiale.

Comunque, dopo le prove libere di giovedì 14, giorno antecedente la prima gara ufficiale, decidemmo tutti di comune accordo, di usare esche molto piccole (rotanti dal n. 1 al doppio zero, minnows intorno ai 3 cm e ondulanti similari), la novità erano le esche siliconiche solo da quest'anno ammesse al mondiale.

Venerdì 15 alle ore 9.30, inizia la prima prova e come si sospettava, le trote sono blandamente reattive, ma alla fine della gara il Team azzurro è primo con una superba prestazione, 3 primi di settore ed un terzo posto parimerito (il mio), che ci fa posizionare al vertice della classifica provvisoria con la nostra diretta antagonista, la Russia, che ci segue a 6.5 penalità di distacco. Bisognerà tenere duro nella prossima prova e sperare in bene, noi ci crediamo, siamo pronti.

Sabato 16 alle ore 7.30 ci ritroviamo in sala mensa dell'hotel Ribeira a fare colazione, aspettando che passino velocemente le due ore che ci separano dalla gara. Siamo tutti svegli da un bel po', merito della tensione accumulata e di una notte passata a sistemare gli ultimi dettagli (io e gli altri siamo stati svegli fino alle 3 a limare ardiglioni e montare fili sui vari mulinelli ed a elaborare varie strategie da adottare in gara).

Ore 9.30, finalmente si comincia e la tensione si stempera, lasciando il posto all'aggressività agonistica necessaria.

Peschiamo su trote già "bucate", quelle del giorno prima, dato che l'organizzazione portoghese non ha ritenuto opportuno fare un'altra semina. Oggi si vince il settore con due pesci, e forse, anche con uno. Cosi è: le trote sono proprio "inchiodate" al fondo, non cacciano assolutamente ed in ogni settore si pescano dai tre ai quattro pesci complessivamente. Ci sono una marea di "cappotti" e purtroppo anche due miei compagni di squadra, pur pescando e impegnandosi alla grande, incappano nella giornata storta non riuscendo a effettuare nessuna cattura. Fortuna vuole che sia Ferro, con un primo di settore, che Mori, con un ottimo secondo posto, sempre di settore, riescono a tenere botta e finiamo la gara in piedi.

Ci ritroviamo tutti all'hotel Ribeira, nostro quartier generale, e lì tutti insieme cominciamo a fare i conti e le eventuali previsioni di un possibile podio. Chi dice argento, qualcuno azzarda l'oro (me compreso). I dirigenti ci tengono sulle spine, sospettiamo sappiano, ma fanno finta di non sapere e così la tensione aumenta fino alle stelle. Si va a fare tutti una doccia e poi a pranzo. Subito dopo in camera per la vestizione: giacca blù con logo Fipsas, camicia bianca, cravatta e pantaloni grigio scuro, un paio di eleganti scarpe nere corredano il tutto.

Partiamo dall'hotel e sotto gli sguardi incuriositi della gente attraversiamo un buon tratto di Arcos, arrivando nel parco dove si svolgerà la premiazione finale. Mi guardo intorno e incrocio lo sguardo di Mori, mio compagno di squadra e grande amico, lo vedo teso come la corda di un violino, "l'argento è bello" mi dice "ma speriamo sia oro, ce lo meritiamo". Io concordo e mi metto a sedere su un vicino muretto.

Inizia la premiazione, prima a livello individuale poi a squadre. Oro al russo, argento ad Andrea Ferro. Scattiamo in piedi a esultare tutti quanti: due anni di fila vice campione del mondo individuale, non male direi e ciò la dice lunga su questo atleta. Bronzo ad un'atleta della squadra Ceca.

Ecco, è il momento della premiazione a squadre:

La bandiera italiana è in mezzo a quelle di Russia e Republica Ceca: terza la Russia, seconda la Republica Ceca, prima l'Italia e non capiamo più nulla, ci si abbraccia, si ride,  grandi pacche sulle spalle, siamo veramente felici e orgogliosi. Una bella ragazza ci mette al collo la medaglia d'oro di campioni del mondo e a fatica riesco a trattenere le lacrime. Parte l'inno e lo cantiamo tutti a squarciagola, orgogliosi di essere italiani e di avere vinto il primo oro mondiale a spinning.

Campioni del mondo. Nella vita, auguro a tutti di sentirsi cosi, è stupendo. L'esperienza che ho vissuto sia a livello umano che sportivo mi rimarrà nel cuore per sempre e credo sia così per tutti noi che vi abbiamo partecipato.

Dietro le Quinte

Quello che scrivo ora è un tributo, un ringraziamento a tutti quelli che con me hanno partecipato a questa bella avventura, ai miei compagni di squadra, Carlo Mori, il "maniaco" delle esche siliconiche, Ugo Tranquillo e Muin Giacomo, grandi agonisti, Andrea Ferro, campione sul campo e in umiltà, al mio CT Claudio Zecchi che è stato il collante di questa squadra, dandoci sempre buoni consigli e spronandoci nel momento del bisogno, ai dirigenti al seguito, Francesco Antonio e Severino Busacchini,  che ci hanno seguito palmo a palmo, aiutandoci con i regolamenti e gioendo con noi per la bella vittoria (che è anche la loro), alla nostra splendida mascotte, mia figlia Alice, autentico vulcano, a mia moglie tifosa itinerante al seguito e fotografa instancabile (durante la premiazione sembrava una macchina fotografica digitale da tante che ne aveva in mano), al mio ex CT Maurizio Rigatto, è merito suo e della fiducia che mi ha dato se ho vissuto questa bella avventura.

Per ultimo dedico un ringraziamento anche a me stesso per aver saputo stare in questo gruppo con umiltà e con merito. Sono convinto che tutto ciò rimarrà con noi per sempre!
 



Vuoi discutere con altri appassionati di Pesca? Vai sul Forum di HobbyPesca.
Entra a far parte della Community più grande d'Italia, centinaia di persone risponderanno alle tue domande.
Potrai conoscere tanti nuovi amici ed organizzare battute di pesca nella tua regione. Che aspetti! Iscriviti subito!


Copyright © HobbyPesca.com
E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto della Redazione e dell'Autore
.

Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Contenuto non disponibile, Attiva i Cookie di Advertising per visualizzarlo
Contenuto non disponibile
Attiva i Cookie di Advertising
Design, Graphics and Web Site composed 
INGEMATIC Web Management
P.Iva IT 06544030726
I Siti del nostro Network

HobbyPesca.com | HobbyPesca.net | HobbyPescaShop.com
HobbyNautica.it | PescaeRelax.it | TavoleSolunari.com
Copyright © 2002-2020  :: v. release 8.0
Tutti i diritti sono riservati  ::  Riproduzione vietata
Contact Module